Firenze – 150 anni di esplorazioni nel mondo, anche l’Agenzia festeggia la Società Geografica Italiana

Era il 12 maggio 1867 quando, nella Firenze capitale del Regno d'Italia, venne fondata la Società Geografica Italiana con l'obiettivo di promuovere la cultura e le conoscenze geografiche sulle terre vicine e lontane. A partire dal momento della fondazione, che ebbe luogo nella Sala del Buonumore del prestigioso palazzo che oggi è sede del Conservatorio Cherubini, la Società ha operato attraverso le stagioni della storia per promuovere la ricerca scientifica, la documentazione e la divulgazione in materia di "descrizione della terra", cioè di geografia.

Per festeggiare il 150° anniversario della Società, ma anche per guardare avanti e rafforzare il suo impegno negli anni a venire, le principali istituzioni del capoluogo toscano hanno collaborato per allestire un calendario di iniziative dedicate alla geografia nelle sue dimensioni storica, scientifica e sociale.

Accanto al Comune di Firenze, al Consiglio Regionale della Toscana, all'Università degli Studi di Firenze, all'Istituto Geografico Militare e numerosi altri attori, l'Agenzia partecipa alla manifestazione proponendo al pubblico un allestimento di carte geografiche storiche, selezionate all'interno del patrimonio documentale della sede di Firenze. Negli spazi dell'ingresso monumentale l'allestimento sarà visibile in tre Open Day, nei giorni 18, 19 e 25 maggio.

Le iniziative dedicate all'anniversario hanno preso il via lunedi 8 maggio con un convegno organizzato dal dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo dell'Università di Firenze, mentre il giorno successivo hanno avuto luogo due appuntamenti, il primo nella Sala del Buonumore dove tutto ebbe inizio, e il secondo nella sede dell'Archivio storico del Comune di Firenze, dove è stata inaugurata la mostra documentaria e multimediale "Geografie di una storia".

L'Agenzia ha preso parte a questo momento con il responsabile della Comunicazione Emilio Ciarlo, che ha sottolineato il terreno comune tra la disciplina della geografia e la cooperazione internazionale. "Le carte geografiche, con le loro forme e i loro colori, stimolano la curiosità per luoghi diversi dal nostro, anche nei più piccoli, e questa curiosità è un elemento essenziale anche per impegnarsi in attività di cooperazione."

I relatori hanno messo in evidenza quanto e come sia cambiato il mondo nei 150 anni di vita della Società Geografica, che ha saputo costruire e custodire conoscenze preziose nel corso del tempo, continuando a promuovere nuove esplorazioni e a consolidare una vasta rete di relazioni con altri soggetti dal mandato affine o complementare, dalla Società di Studi Geografici al Club Alpino Italiano.

Programma eventi 8 - 9 maggio

Programma iniziative 8 maggio - 14 giugno

La Repubblica - Firenze, 5 maggio 2017

 

Posted in ITA and tagged , .