Senegal – L’apertura di due nuove cliniche a Thiés consolida la cooperazione sanitaria con la Toscana

Dakar - Fare un bilancio di dieci anni di cooperazione tra Toscana e Senegal, monitorare l'andamento delle attività e, soprattutto, dialogare con le istituzioni partner al fine di programmare nuove attività e capire insieme dove migliorare. Questi sono stati gli obiettivi della missione nella regione di Thiés effettuata dal 30 ottobre al 7 novembre dalla direttrice del Centro di Salute Globale della Regione Toscana, Maria José Caldés, accompagnata dalla responsabile del progetto di cooperazione sanitaria a Thiés, Sonia Baccetti dell’Azienda Sanitaria Toscana Centro, e da professionisti del sistema sanitario toscano.

La missione è iniziata con una riflessione sui “Dieci anni di cooperazione sanitaria tra Regione Toscana e Dipartimento di Thiés” nell'ambito di un convegno che ha avuto luogo il 30 novembre e che ha visto l’intervento di operatori sanitari ed autorità senegalesi tra cui Idrissa Seck, presidente del dipartimento di Thiés, Yankhoba Diattara, vicepresidente del dipartimento di Thiés, Bassirou Ndiaye, segretario generale del dipartimento di Thiés, Jean Baptiste Ndione, presidente della Commissione Salute del dipartimento di Thiés e Moustapha Diop, responsabile del distretto sanitario di Thiés.

Le relazioni, sia da parte italiana che da parte senegalese, hanno evidenziato il duplice valore della concretezza e della sostenibilità degli interventi di cooperazione. Gli ultimi dieci anni di cooperazione tra Toscana e Senegal si sono contraddistinti per la realizzazione di numerose infrastrutture - il reparto di maternità e la farmacia presso l’ospedale regionale di Thiés e due centri sanitari a Sam Ndiaye e Citté Lamy - e per un approccio partecipativo con gli attori locali che hanno giocato un ruolo primario nella fase di pianificazione e progettazione, con il costante supporto formativo e di assistenza tecnica del sistema sanitario toscano. Nell’evidenziare i progressi in termini di consolidamento istituzionale e di partenariato con diverse regioni del Senegal - oltre a quella di Thiés, quella di Dakar e quella di Louga - la direttrice del Centro di Salute Globale ha sottolineato l’impegno delle aziende sanitarie toscane coinvolte.

Il valore di partenariati tra territori, che portano a uno scambio efficace di competenze e modelli, e dell’impegno della cooperazione decentrata a lavorare in sinergia con la Cooperazione italiana sono state oggetto dell’intervento dell’ambasciatore d’Italia in Senegal, Francesco Paolo Venier, e della titolare della sede AICS di Dakar, Alessandra Piermattei, nel corso dell’inaugurazione dei nuovi centri sanitari a Citté Lamy e Sam Ndiaye. Entrambe queste strutture sono localizzate in zone periferiche e marginalizzate della città di Thies e serviranno ha migliorare la pressa in carico sanitaria di donne e di bambini residenti in queste aree.

L'esperienza maturata dal Sistema sanitario toscano a supporto delle strutture ospedaliere e dei servizi territoriali, finalizzata alla riduzione della mortalità materno infantile in Senegal, è all’origine della collaborazione tra Centro di Salute Globale/AOU Meyer (Firenze) e la Cellule de Suivi Opérationnel attivata nell’ambito del “Programma di Appoggio allo Sviluppo Economico e Sociale del Senegal – PADESS” finanziato dalla Cooperazione italiana. La collaborazione è stata formalizzata dalla firma di un protocollo tecnico che vedrà il Centro di Salute Globale impegnato in attività di assistenza tecnica e formazione relativamente alla ristrutturazione, fornitura e organizzazione di strutture sanitarie nelle regioni di Dakar, Kaolack e Sedhiou.

 

Click to open a larger map

 

Posted in ITA and tagged .