Sudan – Equipaggiamento tecnico e ripristino di impianti idrici per migliorare l’accesso all’acqua

Khartoum - Si è tenuta lo scorso 8 luglio, presso la sede della DDR Commission, la cerimonia per la firma del contratto tra l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e la Blue Nile Drinking Water Corporation per la fornitura di attrezzature idrauliche volta a garantire la messa in opera del sistema idrico di El Roseires, nello stato del Blue Nile. All’evento hanno partecipato Vincenzo Racalbuto, titolare della sede AICS di Khartoum, Abdulrahman Mohammed, direttore della Blue Nile Drinking Water Corporation, e Salah Altyaib Awad, commissario generale della DDR, la commissione per il disarmo e riabilitazione degli ex combattenti.

Gli interventi di riabilitazione individuati sono i seguenti:

- fornitura e installazione di 5 pompe elettriche;

- riabilitazione della cisterna cittadina;

- smantellamento e riabilitazione degli impianti idrici nel quartiere di Soba;

- fornitura e installazione di 15 valvole.

La firma del contratto fa parte dell'accordo tecnico firmato lo scorso aprile tra il ministero dei Servizi pubblici - Water and Environmental Sanitation e la DDR Commission con l'obiettivo di assicurare un approvvigionamento funzionale e affidabile di acqua sicura alle comunità di Eddamazin e El Roseries, dove la domanda di acqua è aumentata nell'ultimo anni di quasi 5.000 metri cubi al giorno.

Il commissario generale del DDR ha espresso apprezzamento nei confronti dell'eccellente competenza italiana nel settore, sottolineando che questo progetto andrà a beneficio delle comunità che soffrono di carenza idrica. Il ministro delle Finanze e il ministro delle Infrastrutture hanno ringraziato l'Italia per il suo continuo supporto e rinnovato l'invito a continuare la collaborazione per rispondere alle esigenze del Paese.

Il progetto "Migliorare le condizioni di vita della popolazione degli Stati dell’Est, Nord Darfur e Khartoum, in particolare profughi e migranti" è finalizzato al supporto delle popolazioni rifugiate e sfollate, compresa la popolazione più povera residente che ospita un numero ingente di popolazione non residente con ricadute pesanti sulla qualità della vita e sui servizi essenziali di base. I settori principali dell'intervento sono la lotta alla malnutrizione, l'accesso all'acqua e il miglioramento delel condizioni igienico-sanitarie.

Un contributo di circa 1,4 milioni di euro è stato destinato alle attività di tre OSC - Aispo, Emergency e Oxfam Italia - che saranno volte al contenimento del colera, della malnutrizione e dell’insicurezza alimentare delle fasce più vulnerabili della popolazione. Ulteriori 780mila euro saranno impiegati in attività di emergenza in gestione diretta concordate con le controparti locali e in coordinamento con le maggiori agenzie internazionali che operano nel Paese nel settore dell’aiuto umanitario.

Click to open a larger map

 

Posted in ITA and tagged .