Mazara del Vallo – Economia e governance, la cooperazione tra Italia e Tunisia sempre più stretta

05/10/2018 - Accompagnata dal sole di Sicilia che ha permesso al pubblico e agli espositori di Blue Sea Land di animare le strade di Mazara del Vallo, la seconda giornata della manifestazione ha dedicato spazio alla cooperazione transfrontaliera tra Italia e Tunisia, che negli ultimi anni ha visto una crescita importante delle relazioni economiche, sociali e culturali, fino a individuare l'Italia come primo partner commerciale della Tunisia.

Sul palco del suggestivo teatro Garibaldi ha avuto luogo la presentazione del programma di cooperazione dedicato ai due Paesi nell'ambito della European Neighbourhood Initiative che, attraverso una serie di cicli di durata settennale, punta a sostenere iniziative che producano impatto un mutualmente vantaggioso in termini di occupazione, reddito, ambiente e cultura, con particolare attenzione alle aree della Sicilia e della Tunisia che si affacciano sul mare Mediterraneo.

L'ambasciatore della Repubblica tunisina in Italia, Moez Sinaoui, ha sottolineato l'efficacia del primo ciclo del programma che, nel periodo 2007-2013, ha visto la realizzazione di 31 iniziative, "perché è stato un programma concreto che ha toccato direttamente le città, i territori e la società civile." Le risorse a disposizione per il ciclo attualmente in corso, 2014-2020, ammontano a circa 37 milioni di euro, di cui 33,3 stanziati dall'Unione Europea e 3,6 dai due Paesi coinvolti. Beneficiari prioritari sono piccole e medie imprese, centri di ricerca scientifica e di formazione, operatori del turismo e attori pubblici e privati che si occupano di gestione delle risorse naturali e protezione dell'ambiente.

Accanto ai tecnici del programma ENI è intervenuto il titolare della sede AICS di Tunisi Flavio Lovisolo che ha descritto le linee fondamentali della Cooperazione italiana in Tunisia, attiva nel Paese fin dagli anni '80: "Negli ultimi trent'anni la Cooperazione italiana ha sostenuto occupazione e sviluppo economico, istruzione pubblica, sviluppo regionale e locale, mettendo a disposizione di oltre 600 piccole imprese tunisine una serie di linee di credito per un totale di 200 milioni di euro per acquistare tecnologia italiana, creando diecimila posti di lavoro. Nel prossimo futuro la Cooperazione continuerà, in collaborazione con Cassa Depositi e Prestiti, a sostenere lo sviluppo del settore agricolo e dell'economia sociale e solidale. Ma l'impegno della Cooperazione italiana non si ferma qui, infatti sta accompagnando anche il processo di decentralizzazione in atto attraverso la creazione di nuove municipalità e il rafforzamento delle capacità nell'erogare i servizi di base per i cittadini." Lovisolo ha accennato anche all'impatto della crisi libica sull'economia tunisina e all'impegno dell'Agenzia nel promuovere iniziative di sviluppo economico, con particolare attenzione alle regioni rurali dell'interno, che siano accompagnate da processi di governance in grado di contribuire alla stabilità e alla coesione territoriale. A questo proposito è stata sottolineata l'importanza di accompagnare le istituzioni tunisine nel processo di decentralizzazione che, anche nella recente tornata elettorale di livello amministrativo, si è dimostrato un elemento essenziale del più ampio percorso di consolidamento democratico in atto.

Al termine della sessione, in piazza Makarta è stato inaugurato lo stand AICS dove è stata attivata la Sharing Box che permette di scattare e stampare un selfie personalizzato dopo aver espresso una parola chiave da associare all'idea di cooperazione internzionale. Tra il pubblico, numerosi ed entusiasti i giovani che si sono avvicinati all'obiettivo della Sharing Box per uno scatto in compagnia, ma anche per avvicinarsi alla Cooperazione italiana e venire a conoscenza dell'Agenzia. Le parole lasciate prima del selfie sono state raccolte in un mosaico di biglietti che intendono completare la frase "Per me la cooperazione allo sviluppo è..."

... sconfiggere la povertà, vita, parità di genere, libertà, lavoro, ambiente pulito, uguaglianza di diritti, fare insieme, pace... e non finisce qui...

• Mazara del Vallo, 04/10/2018 - Mettere a frutto la diversità, la sfida comune della cooperazione e della bioeconomia

Fare clic per aprire una mappa più grande

 

Posted in ITA and tagged .