Educazione dell’infanzia, l’approccio di Reggio Emilia diventa una risorsa per le scuole palestinesi

Reggio Emilia - Più classi nelle scuole palestinesi per l'infanzia, maggiori opportunità educative per i bambini in una fascia d'età cruciale per lo sviluppo e un metodo pedagogico che li metta al centro di ogni esperienza di apprendimento. Sono i capisaldi del progetto PACE, presentato a Reggio Emilia il 12 novembre scorso da parte dell'organizzazione della società civile RTM - Reggio Terzo Mondo insieme ai partner dell'iniziativa.

Il progetto - primo classificato nel lotto 2 del bando OSC 2017 e sostenuto da un finanziamento AICS di 1,53 milioni di euro - rappresenta una prosecuzione e un ampliamento della precedente iniziativa AEPIC - Alliance for an inclusive and qualitative early childhood education in the West Bank, egualmente cofinanziata da AICS e conclusa a maggio 2018.

L'obiettivo generale è quello di supportare il ministero palestinese dell'Educazione (MEP) nella realizzazione della strategia nazionale per lo sviluppo della prima infanzia nel periodo 2017-2022 migliorando la qualità, l'accessibilità e la sostenibilità del sistema dei servizi educativi per i più piccoli. Il ministero dell'Educazione si conferma, quindi, nel ruolo di controparte centrale e decisiva per il successo del progetto e la presenza a Reggio Emilia del ministro per l’Istruzione, S.E. Sabri Saidam, ne è stata prova concreta.

"L’educazione ha un ruolo cruciale nell’agenda politica palestinese" ha sottolineato il ministro Saidam, evidenziando che "il principio di riferimento è assicurare un’istruzione di qualità a ogni cittadino, in qualunque condizione o situazione si trovi, inclusi, per esempio, i bambini ricoverati in ospedale o i detenuti nelle carceri."

Nell'ottica di una vera e propria "rivoluzione educativa" che parte dal basso, cioè da un'educazione di qualità della prima infanzia, il MEP ha avviato un ambizioso programma di apertura di nuove classi pre-scolari nelle scuole pubbliche: altre 12 partiranno nel corso del mese prossimo. In questo modo si cerca di dare una risposta al fatto che, ad oggi, circa il 40% dei bambini palestinesi non frequenta la scuola dell’infanzia.

RTM, il ministero palestinese, i partner locali che si occupano direttamente di educazione dell'infanzia - i tre Patriarcati di Gerusalemme (Latino, Greco-Cattolico e Greco-Ortodosso) e l'associazione culturale Ibdaa' - e gli altri partner italiani - il comune di Reggio Emilia e la fondazione Reggio Children - hanno avviato inoltre una collaborazione per rafforzare le competenze del personale ministeriale, scolastico e universitario sotto i profili della formazione pedagogica e degli aspetti gestionali. Questi temi sono stati al centro della visita di studio in Italia che, dall'11 al 18 novembre, ha coinvolto una delegazione di funzionari ministeriali, insegnanti dell'infanzia e docenti universitari palestinesi: nel corso della visita è stato illustrato il "Reggio Emilia Approach" all'educazione pre-scolare, un modo speciale e attento di intendere l'approccio ai bambini che entrano per la prima volta nel mondo della scuola, basato sull'autonomia dei piccoli nei processi di apprendimento e dove gli adulti - educatori e famiglie - assumono il ruolo di guide del percorso.

Il “Reggio Emilia Approach”, elaborato dal pedagogista Loris Malaguzzi nel secondo dopoguerra, ha reso i servizi educativi di Reggio Emilia un'eccellenza italiana nel settore e ha ispirato tantissime scuole in tutto il mondo.

RTM - Comunicato stampa

 

 

Posted in ITA and tagged , .