El Salvador – Il mondo delle cooperative, pilastro dell’economia e della società, guarda al futuro

San Salvador - Il 6 dicembre scorso, al Ministero degli Affari esteri della Repubblica di El Salvador, ha avuto luogo il laboratorio "Taller de Oportunidades de Desarrollo Sostenible, Asociatividad y Cooperativismo en El Salvador" con l’obiettivo di raccogliere informazioni sulle necessità del settore cooperativista. Hanno partecipato all'iniziativa circa 120 persone fra autorità locali, rappresentanti di OSC italiane e salvadoregne, università e soci di cooperative nei settori agricoltura, servizi, artigianato, turismo, abitazioni e credito.

All'atto di apertura, oltre a un nutrito gruppo di giornalisti delle principali televisioni, radio e testate giornalistiche del Paese, erano presenti il Ministro degli Affari Esteri, Carlos Castaneda, l'ambasciatore d’Italia in El Salvador, Umberto Malnati, il titolare della sede AICS di El Salvador, Marco Falcone, il presidente del Banco de Fomento Agropecuario (BFA), Ana Lilian Vega Trejo, il presidente di INSAFOCOOP, Dimas Mauricio Vanegas, la Viceministra di Cooperazione allo Sviluppo, Ryna Garay, e il Viceministro di Agricultura e Allevamento, Hugo Flores.

L'ambasciatore Malnati ha ricordato che "per la Cooperazione italiana le cooperative sono attori chiave per contribuire allo sviluppo sostenibile del Paese. L'AICS ha in corso varie iniziative di rafforzamento di cooperative, specialmente nel settore agricolo e nella riqualificazione urbana. Il modello cooperativo è riconosciuto come una forma organizzativa che mira a mitigare le cause della povertà, dei conflitti e delle migrazioni, aumentando gli indici di inserimento lavorativo e di coesione sociale." A seguire, la presidente del BFA, Ana Lilian Vega, ha riaffermato la convinzione che "l'impegno dei cooperativisti spinge non solamente lo sviluppo produttivo, ma anche l’inclusione, la democrazia e lo sviluppo sociale del paese."

E' stato poi presentato al pubblico lo studio “Situación actual y oportunidades del movimiento cooperativo en El Salvador” elaborato da FUNDATER. Secondo lo studio, nel Paese sono presenti 2865 cooperative, per un totale di 646.816 soci, che rappresentano il 6% della popolazione salvadoregna. Alla successiva discussione il contributo italiano è stato espresso da Nicoletta Dentico, Stefania Marcone e Paola Autore che hanno presentato la storia e l'operato rispettivamente di Banca Popolare Etica, Legacoop e Coopculture.

Il 7 dicembre si è svolto un tavolo di lavoro interistituzionale al quale hanno partecipato i tecnici delle istituzioni coinvolte e il personale di FUNDATER con l'obiettivo di approfondire le informazioni raccolte il giorno prima nei tavoli di lavoro formati dai soci di trenta cooperative.

Sulla base dei risultati ottenuti durante le giornate laboratoriali sarà elaborato un documento di progetto per un'iniziativa volta al rafforzamento del sistema cooperativo che, adeguatamente promosso e consolidato, può contribuire in misura significativa al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 e dei programmi nazionali di sviluppo.

Fare clic per aprire una mappa più grande

 

Tagged .