Kenya – #Threeyearschallenge: chiusura del progetto di assistenza familiare e comunitaria

Nairobi, Kenya – mercoledì 27 Febbraio 2019 presso il Koinonia Mother House Rescue Centre nel quartiere di Riruta, si è tenuto l’incontro conclusivo del progetto finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo “Programma integrato di assistenza familiare e comunitaria a tutela dei diritti di protezione, istruzione e partecipazione delle bambine e dei bambini vulnerabili delle aree suburbane di Nairobi di Kibera e Riruta” (AID 10602), implementato dall’Associazione Amani Onlus insieme alla controparte locale Koinonia Community.

La giornata è iniziata con una mostra fotografica che ha illustrato i risultati principali di questi tre anni di attività progettuale. Grazie al supporto dell’Agenzia e all’impegno delle organizzazioni coinvolte, questo progetto è stato in grado di raggiungere 203 bambini (63 bambine e 140 bambini) e far intraprendere loro un articolato percorso di riabilitazione che spazia dal supporto psicologico, individuale e di gruppo, all’educazione informale e al rafforzamento di competenze relazionali e sociali. Per cercare di affrontare alla radice queste situazioni di forte disagio ed emarginazione sociale, il progetto ha lavorato non solo con i minori, ma anche a stretto contatto con le famiglie. In particolare, sono state supportate 155 nuclei familiari attraverso sessioni di terapia, formazione professionale ed empowerment economico. Tale supporto ha reso possibile la reintegrazione di 142 minori. Infine, grazie al progetto sono stati formati 120 giovani in situazione di particolare vulnerabilità.

All’evento hanno partecipato diversi beneficiari: una trentina di bambini che, durante questi ultimi tre anni, hanno intrapreso il percorso di riabilitazione presso il Mother House Rescue Centre a Riruta o presso il centro di Ndugu Mdogo a Kibera, altri minori delle case di accoglienza Amani/Koinonia di Tone la maji, Casa di Anita, Kivuli Centre; alcuni genitori che durante il progetto sono stati coinvolti in seminari, incontri e corsi di formazioni professionale; giovani vulnerabili, anch’essi beneficiari di corsi di formazione professionale e, infine, insegnanti di alcune scuole della zona con cui il progetto ha collaborato. Erano inoltre presenti un rappresentante della sede AICS di Nairobi e due rappresentanti istituzionali della Contea di Nairobi che si sono congratulati con le organizzazioni per i risultati raggiunti. La giornata è proseguita con danze, canti, rappresentazioni teatrali e acrobatiche. Un vero e proprio giorno di festa e scambio.

Posted in ITA.