Madrid, 12 dicembre – COP 25 – “Environmental global challenges as seen from Africa Italian environmental cooperation on display”

 

Il 12 dicembre p.v. l’AICS parteciperà alla COP25 che inizia oggi presso IFEMA-Feria di Madrid con un side event coorganizzato con il Ministero dell’Ambiente.

L’evento dal titolo “Environmental global challenges as seen from Africa Italian environmental cooperation on display” si terrà il 12 dicembre dalle 10.30 alle 12.30 presso il Padiglione Italia (Hall 8).

Interverranno tra gli altri il Direttore Maestripieri e il Ministro dell’ambiente Costa.

Nel corso dell'evento sarà trasmesso il documentario “Lac” del regista MAHAMAT-SALEH HAROUN. Si tratta di un corto di circa 8 minuti ambientato in Chad dove alcune donne  si ingegnano per contrastare la presenza di plastica nel lago dove pescano abitualmente.

Il corto fa parte di Interdipendence, (www.interdependencefilm.com  una rassegna di 11 documentari sul cambiamento climatico, realizzati da registi provenienti da diversi paesi, prodotta 2019 by ART for The World on Environment and Cimate Change. La rassegna è stata presentata anche all’ultimo Festival del cinema di Roma ed ha il sostegno anche delle Nazioni Unite.

Oltre al side event il Direttore avrà anche altri impegni in agenda quali il meeting con Javier Manzanares, Deputy Vice Direttore Esecutivo presso il Green Climate Fund. Il Direttore Maestripieri sarà anche intervistato da parte di Connect4Climate del gruppo della Banca Mondiale per la rassegna di interviste su Facebook “Live from COP25”.

Concept note e Agenda

Nel padiglione italiano il Direttore Maestripieri nel suo intervento ha considerato quanto sia importante "combinare le nostre azioni nei settori tradizionali (salute, food security, educazione) con le tematiche ambientali" ricordando la connessione tra migrazione/mobilità umana forzata e cambiamenti climatici. Ha inoltre espresso la volontà di rafforzare la partnership con il Ministero dell'Ambiente programmando insieme iniziative concrete e lanciando campagne di sensibilizzazione sull’Agenda 2030.

Ha inoltre osservato il ministro dell'Ambiente Costa che" emerge la consapevolezza e la necessità di agire per contrastare il cambiamento climatico. Un numero sempre maggiore di aziende, governi e amministrazioni locali e regionali sta infatti mettendo in campo soluzioni innovative e coraggiose per affrontare le sfide globali, che coinvolgono il clima, le risorse idriche e la deforestazione"