AICS alle Giornate della Cooperazione del CIHEAM di Bari

Nell’ambito delle Giornate della Cooperazione del CIHEAM Bari l’Agenzia ha organizzato due eventi:  8 e 9 luglio

8 luglio - ore 20.00, Sede di Tricase del CIHEAM Bari, situata nell’antico Porto della città salentina

Firma dei protocolli  d’intesa tra AICS e enti capifila (CIHEAM Bari, Cluster CHICO, Regione Veneto) dei Cooperation Lab, componente del Progetto SvilupPA.
Partecipano Maurizio Raeli Direttore CIHEAM Bari, Emilio Ciarlo, Responsabile Relazioni Istituzionali e Comunicazione AICS, Agenzia per la Coesione Territoriale (ACT), Soggetti capofila dei tre “Cooperation Lab” (Agroindustria, Ecosistemi rurali-marino-costieri, Life Sciences), Antonio Ragonesi, Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), Assessore Alessandro Delli Noci,  Regione Puglia e Antonio De Donno, Sindaco di Tricase.

Ad oggi, sono stati individuati tre settori, corrispondenti a tre Cooperation Lab, in cui sperimentare la creazione di tali momenti di aggregazione e tre enti capifila che esprimono una particolare eccellenza nel settore. In particolare, i settori e i capifila individuati sono:

1)     Ecosistemi rurali-marino-costieri: CIHEAM Bari
2)     Life Sciences: Cluster CHICO
3)     Agro-industria: Regione Veneto

Firma del protocollo d’intesa per i Cooperation Lab tra Emilio Ciarlo Resposabile Relazioni Esterne e Comunicazione AICS, Maurizio Raeli Direttore CIHEAM di Bari, Agenzia per la coesione territoriale ed enti capifila Cluster CHICO, Regione del Veneto, Anci e Alessandro Delli Noci Assessore della Regione Puglia,  presente Albano Carrisi.


 9 luglio - dalle 15.00 alle 17.00, Sede di Tricase del CIHEAM Bari: Cooperation Lab “Ecosistemi rurali, marini e costieri”

Si tratta della prima riunione dall’inizio dei Cooperation Lab (dicembre 2020) che si svolge anche in presenza e non esclusivamente online.

Partecipano le sedi estere AICS coinvolte in questa fase sperimentale (Kenya, Tunisia, Etiopia, Senegal), l’Ufficio VI AICS, Rappresentanti delle ONG in rappresentanza delle 3 reti italiane delle Organizzazioni della Società civile  OSC, la Conferenza dei Rettori delle Università italiane CRUI, Associazione Nazionale Comuni Italiani ANCI, esperti del mondo accademico e imprese profit.

La  riunione si concentrerà sulla discussione con i partecipanti, con particolare supporto delle sedi di Tunisia e Kenya, per trovare un modello comune di raccolta delle necessità e dei bisogni dei paesi per migliorare la capacità di risposta di tutto il sistema di cooperazione italiano a questi bisogni.


 

AICS alle Giornate della Cooperazione del CIHEAM di Bari

 


 

I Cooperation Lab sono una componente del progetto SvilupPA, un’iniziativa finanziata dall’Agenzia della Coesione Territoriale, volta a potenziare la capacità operativa dell’AICS, mettendo in rete gli stakeholder, assicurando un dialogo strutturato che coinvolga i diversi attori e soprattutto valorizzando la governance multilivello della cooperazione italiana (sia in senso orizzontale – OSC, Aziende, Università – sia in senso verticale – istituzioni nazionali e locali/regionali).

Uno degli strumenti pensati per sperimentare questo nuovo dialogo, sono i Cooperation Lab, tavoli tematici settoriali che coinvolgono imprese, soggetti del mondo no profit, enti della comunità scientifica ed universitaria, istituzioni locali. I Cooperation Lab sono coordinati da AICS con il supporto di enti capofila individuati tra i diversi soggetti e nelle diverse realtà regionali italiane.

I Cooperation Lab sono pensati per:

a) facilitare l’incontro tra attori, uffici AICS e sedi locali per lo scambio di informazioni e di opportunità di investimento (no profit e profit) nei Paesi di cooperazione;

b) sviluppare percorsi e procedure di coinvolgimento degli attori in alcuni procedimenti decisionali (la scrittura delle linee guida operative, la scrittura delle Country strategy, la programmazione annuale);

c) definire veri e propri format digitali, standard e incrociabili per raccogliere, da una parte, i bisogni di cooperazione dei Paesi partner nei vari settori, dall’altra, le eccellenze, le best practice, le specializzazioni negli stessi settori del Sistema italiano di cooperazione (matching tra “domanda” e“offerta” di cooperazione)