Milano – Esserci, conoscersi e costruire insieme, il Summit delle Diaspore incontra la Cooperazione

Milano - La seconda edizione del Summit Nazionale delle Diaspore, il più importante evento dedicato alla condivisione di esperienze e buone pratiche tra i membri della diaspora in Italia, il sistema della cooperazione internazionale, la politica e il mondo economico, si terrà a Milano, nella prestigiosa sede di Palazzo Reale, il 15 dicembre 2018.

“Esserci, Conoscersi, Costruire" è lo slogan del Summit Nazionale delle Diaspore, un progetto finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, la Fondazione for Africa Burkina Faso e la Fondazione Charlemagne; realizzato in partnership con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con il Gruppo Migrazione e Sviluppo del Consiglio Nazionale per la Cooperazione allo Sviluppo (CNCS) e con Studiare Sviluppo. Il progetto è sostenuto inoltre del supporto tecnico di CeSPI e associazione Le Reseau e della media partnership con l’agenzia di stampa DIRE.

Alle tre parole dello slogan che ha accompagnato l'iniziativa fin dalla prima edizione, quest'anno se ne può aggiungere una quarta: insieme. La partecipazione delle diaspore alla Cooperazione internazionale diventerà infatti effettiva ed efficace solo se realizzata insieme al sistema della cooperazione italiana, insieme alle ONG, insieme agli enti territoriali, insieme ai giovani delle nuove generazioni, insieme al sistema economico, insieme alla politica italiana.

Dopo gli incontri territoriali e le sessioni di formazione realizzate negli ultimi mesi con imprenditori e associazioni di migranti a Napoli, Bologna, Torino, Genova e Cagliari, il progetto approda a Milano con un Summit che rappresenta l'esito del percorso di riflessione e proposte del 2018. Nel 2019 il Summit proseguirà il proprio cammino con nuovi incontri territoriali in altre 6 città italiane, per terminare con una nuova edizione del Summit, questa volta a Roma, a fine 2019. L'obiettivo di questo ricco percorso è la valorizzazione delle diaspore nella Cooperazione italiana allo sviluppo, nel dibattito culturale e nel settore imprenditoriale.

Partner dell'evento il Comune di Milano, che consente di realizzare questa giornata in uno degli scenari più prestigiosi d’Europa, Palazzo Reale, con la presenza del sindaco Giuseppe Sala, confermando l’interesse della giunta meneghina verso una visione delle migrazioni regolari come risorsa per la crescita economica e sociale del territorio.

Saranno presenti Emanuela Claudia del Re, Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Intarnazionale, e Leonardo Carmenati, direttore vicario dell'Agenzia, insieme a esperti e referenti delle istituzioni e del Terzo Settore.

Dice Cleophas Adrien Dioma, coordinatore del progetto Summit Nazionale delle Diaspore: "Sarà un’occasione unica per ascoltare insieme la visione della politica italiana attorno alla tematica Migrazione e Sviluppo, conoscere storie di persone impegnate nella cooperazione internazionale, condividere buone pratiche e partecipare a workshop operativi tematici, per ascoltare testimonianze e costruirne di nuove, che contribuiscano ad una narrazione diversa e propositiva, e per fare rete con enti territoriali, associazionismo migrante e ONG.”

Centrale sarà anche il dibattito sul Global Compact for Migration, a pochi giorni dall’incontro internazionale di Marrakesh, che definisce il nuovo quadro di riferimento per lacomunità internazionale e il ruolo fondamentale delle diaspore per lo sviluppo sostenibile.

Infine, in collaborazione con il Summit delle Diaspore, la rete europea Migrantour organizza gratuitamente passeggiate interculturali di turismo responsabile a km zero, nella settimana della Giornata Internazionale dei Diritti del Migrante. Milano, Torino, Roma, Genova, Firenze, Napoli e Lisbona sono alcune delle città dove si sperimenteranno le passeggiate condotte da accompagnatori interculturali. Informazioni e iscrizioni: www.migrantour.org.

Comunicato stampa

Etiopia – ‘Mirage’, una serie tv per ripensare la migrazione e riflettere sui rischi che può comportare

Addis Abeba - E' andata in onda l'8 dicembre scorso, sul canale nazionale FANA TV, la prima puntata della serie televisiva "Mirage" prodotta dall'Agenzia e dall'Organizzazione Internazionale delle Migrazioni in collaborazione col Teatro Nazionale Etiopico. L’obiettivo dell'iniziativa è quello di sensibilizzare il grande pubblico sui rischi legati alla migrazione irregolare attraverso le storie di giovani migranti e potenziali migranti, provenienti da varie zone del Paese, che raccontano in modo vivido e realistico il proprio vissuto. Un vissuto fatto di grandi aspettative e altrettanti pericoli, che può anche incontrare opportunità inattese nella propria terra.

La serie TV, composta da 13 episodi in programmazione il sabato alle 18.30, è stata presentata il 3 dicembre scorso al Teatro Nazionale Etiopico con una cerimonia alla quale hanno partecipato l'ambasciatore d’Italia ad Addis Abeba Arturo Luzzi, il titolare della sede AICS di Addis Abeba Tiberio Chiari, il Capo dell'Unità di Gestione delle Migrazioni di OIM, Malambo Moonga, e il rappresentante del Teatro Nazionale, Befekadu Kefelegn. La redazione di FANA TV, insieme ad altre testate locali, ha partecipato all'evento, registrato la cerimonia e intervistato i principali relatori e i protagonisti.

"Il progetto Working with the Ethiopian National Theatre to combat irregular Migration in Ethiopia - ha detto Chiari - ha l'obiettivo di contribuire agli sforzi del governo etiopico per disincentivare la migrazione irregolare attraverso una serie di messaggi da trasmettere attraverso la TV che intendano modificare la percezione dei potenziali migranti nei confronti della migrazione irregolare e dei grandi rischi che comporta. La serie televisiva avrà un'ampia diffusione, ben superiore al pubblico dei potenziali migranti e alle comunità di appartenenza."

Nel corso dell’evento si è svolta anche una sessione di domande e risposte che ha coinvolto gli attori e il regista della serie ed è stata allestita la mostra fotografica Give me a reason con le immagini di Annalisa Vandelli. Si tratta della mostra prodotta dall'Agenzia nel 2016-2017 nell'ambito del primo programma di emergenza indirizzato a rispondere alle cause profonde della migrazione irregolare.

Mirage - Press release

Fare clic per aprire una mappa più grande

Eritrea – VM Del Re nel Corno d’Africa per sostenere con la cooperazione la pace Etiopia-Eritrea

Asmara  - In occasione della missione nel Corno d'Africa, dal 3 al 9 dicmebre, la Vice ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Emanuela Del Re ha annunciato un pacchetto di aiuti umanitari e di emergenza a favore della popolazione eritrea per un valore complessivo di oltre 1,6 milioni di euro.

Il contributo italiano verrà utilizzato attraverso diversi canali. Una parte delle risorse, in collaborazione con UNICEF, sarà dedicata ad attività di contrasto alla malnutrizione materno-infantile, alla somministrazione di vaccini contro il morbillo e all'implementazione di terapie e pratiche di prevenzione contro la dissenteria acuta dei minori. Attraverso la FAO, il contributo italiano sarà utilizzato nella fornitura di sementi, capi di bestiame e attrezzi agricoli. Saranno inoltre coinvolte le Organizzazioni della società civile nel potenziamento dei servizi sanitari di base, nella prevenzione della malnutrizione, nella riabilitazione di piccole strutture per l'approvvigionamento idrico e nella promozione di buone pratiche igienico-sanitarie nelle aree di Asmara e Massawa.

A sottolineare l'impegno della Cooperazione italiana in ambito sanitario, il 5 dicembre la Vice ministra Del Re, alla presenza della ministra della Salute Amina Nurhussen, ha inaugurato il reparto cardiologico dell’ospedale eritreo di Orotta-Asmara, reso operativo grazie a un'iniziativa finanziata dall'Agenzia per 400mila euro. Del Re, inoltre, ha visitato la scuola italiana di Asmara, che ha stabilito uno storico gemellaggio con la scuola italiana di Addis Abeba, e ha avviato un dialogo con le istituzioni eritree per favorire la collaborazione imprenditoriale.

Il Corno d’Africa si conferma un'area prioritaria per la Cooperazione italiana, a maggior ragione dopo l'accordo di pace tra Eritrea ed Etiopia che, nel luglio scorso, ha riaperto le relazioni tra i due Paesi e creato le premesse per uno scenario di rinnovata vitalità economica, sociale e culturale.

Dopo la tappa in Eritrea la missione della Vice ministra, accompagnata dal dirigente AICS Emilio Ciarlo, ha toccato proprio l'Etiopia. Qui, il 6 dicembre, la delegazione della Cooperazione italiana ha incontrato il ministro etiope delle Finanze, Ahmed Shide, per fare il punto sulle attività di cooperazione allo sviluppo che, attualmente, vedono oltre 50 progetti in corso per un volume di aiuti di circa 200 milioni di euro. L'Italia si conferma partner fondamentale nei settori dello sviluppo rurale, dell'agroindustria e del sostegno alle attività economiche per la creazione di posti di lavoro.‬

Viceministra Del Re nel Corno d’Africa per cooperazione win-win (Askanews.it)

Fare clic per aprire una mappa più grande

 

Giordania – Crisi siriana, un programma regionale dedicato alle donne per promuovere sviluppo e diritti

Amman - Martedì 4 dicembre è stato presentato nella capitale giordana il programma regionale Assistenza ed empowerment delle donne e bambine rifugiate siriane e delle comunità ospitanti in Egitto, Giordania e Libano finanziato dalla Cooperazione italiana in risposta alla crisi siriana nei tre Paesi partner e, in particolare, all’impatto sulle donne e le bambine.

La dimensione regionale del programma intende favorire la diffusione degli approcci di gender mainstreaming e dei diritti umani per migliorare le condizioni di vita delle comunità dei rifugiati e di quelle ospitanti, ma anche per promuovere un cambiamento culturale positivo. Accanto alla risposta di medio periodo ai bisogni immediati delle popolazioni beneficiarie, infatti, tale cambiamento è fondamentale affinché le donne e le bambine, in particolare, possano vivere libere da ogni forma di violenza, esercitare il diritto di accesso ai servizi sanitari, educativi e di educazione sessuale, esprimere le proprie istanze e partecipare al più ampio processo di peacebuilding.

L'evento è stato presieduto dall'ambasciatore d’Italia ad Amman, Fabio Cassese, che ha sottolineato come "l'uguaglianza di genere e i diritti delle donne siano un interesse centrale della politica italiana nella cooperazione allo sviluppo. Il conflitto siriano - ha aggiunto l'ambasciatore - è una delle più tragiche crisi umanitarie della nostra contemporaneità e richiede il nostro impegno anche nel contesto della politica di vicinato e della forte partnership che l'Italia intrattiene storicamente con i paesi della regione mediorientale."

Il dialogo con i partner è stato introdotto dal titolare della sede AICS di Amman, Michele Morana, che ha sottolineato il valore di un approccio multidimensionale grazie al quale la componente di empowerment socio-economico si combina con la tutela dei diritti in tema di salute sessuale e riproduttiva, con la risposta a ogni forma di violenza di genere e con la partecipazione attiva delle donne alla risoluzione delle grandi sfide della pace e della sicurezza.

La coordinatrice senior per l'uguaglianza di genere della sede AICS di Roma, Maria Pia Dradi, ha illustrato il programma regionale, soffermandosi sugli elementi innovativi in termini di approccio integrato e territorialità. Dradi ha evidenziato la ricchezza degli apporti al programma grazie al vasto partenariato che caratterizza l'iniziativa e che vede la partecipazione di 19 organizzazioni nella realizzazione di quattro progetti implementati da UNFPA, UN-ESCWA e due consorzi guidati dalle OSC italiane Oxfam Italia e ARCS Cultura e Sviluppo.

Hanno partecipato all'evento anche i rappresentanti delle istituzioni egiziane, giordane e libanesi dei tre Paesi partner - il National Council for Women (Egitto), il Ministry of Planning and International Cooperation (Giodania) e il Ministry of Social Affairs (Libano) - oltre agli ambasciatori di Egitto e Libano in Giordania, i quali hanno espresso entusiasmo per l'avvio dell’iniziativa e assicurato il loro pieno supporto allo svolgimento delle attività.

Fare clic per aprire una mappa più grande

 

In partenza verso l’isola della sostenibilità, l’Agenzia racconta l’impegno su clima e ambiente

Roma - L'Isola della Sostenibilità è un progetto nazionale in cui istituzioni, enti di ricerca e aziende si incontrano per educare e informare le nuove generazioni sui temi dello sviluppo sostenibile.

L'evento finale dalla quinta edizione si è svolto dal 5 al 7 dicembre al Macro di Testaccio, dove hanno avuto luogo seminari, laboratori didattici e spettacoli per adulti e bambini, con ingresso libero dalle 9.30 alle 19.00. Le attività si sono rivolte a studenti di ogni ordine e grado, famiglie e tecnici di settore. L'appuntamento di Roma ha rappresentato il momento finale di un percorso di formazione nelle scuole di nove città italiane sullo sviluppo sostenibile e, in particolare, sui cambiamenti climatici, focus tematico dell'edizione 2018.

L'iniziativa, sostenuta dall'Agenzia, è promossa da un comitato di ricerca e università italiane: Enea, Cnr, Crea, Ispra, Università Roma Tre, Università la Sapienza.

L'Agenzia ha partecipato con uno stand che non è stato semplicemente uno spazio espositivo di materiali informativi, ma un luogo per coinvolgere direttamente gli studenti in attività ludico-formative sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile. Ha preso parte alla manifestazione il funzionario AICS Lorenzo Orioli, esperto del tema, che è stato coinvolto anche in un'intervista radiofonica sul ruolo dell'Agenzia nel contrasto e nella mitigazione dei cambiamenti climatici, dando risalto alle attività di cooperazione in un settore d'importanza strategica per l'Agenda 2030.

Isola della Sostenibilità 2018 - Presentazione
Programma

Fare clic per aprire una mappa più grande

 

 

Tunisia – Acqua e sapone, l’educazione primaria passa anche dalla buona pratica di lavarsi le mani

Tunisi - Lavarsi le mani, un gesto tra i più semplici ed efficaci per mantenere l'igiene e la cura personale. In occasione del Global Handwashing Day, la giornata mondiale del lavaggio delle mani, i ministeri tunisini dell’Educazione e della Salute hanno lanciato, insieme a UNICEF e all'Agenzia, un programma per promuovere la pratica del lavaggio delle mani tra i bambini e gli adolescenti delle scuole primarie. Il programma fa parte della strategia nazionale sviluppata nel quadro del Piano d'azione del ministero della Salute (2016-2020) allo scopo di contribuire alla protezione della salute della popolazione. In particolare il programma partecipativo di lavaggio delle mani con acqua e sapone, attraverso una serie di attività ricreative, punta a promuovere buone pratiche comportamentali, a partire da quelle di base, per supportare una vita sana per i bambini, le loro famiglie e le comunità di appartenenza. Il lavaggio delle mani è una pratica igienica che può prevenire la trasmissione di malattie, ma non è ancora ben diffusa nella vita quotidiana dei bambini tunisini. Proprio per questo gli operatori sanitari che lavorano nelle scuole stanno intensificando i loro sforzi per diffonderla.

Un momento di sensibilizzazione pubblica è stato organizzato il 15 novembre scorso presso la scuola Ezzahra Jdaida, nella regione di Manouba, dove si è svolta la cerimonia del lavaggio delle mani alla presenza del ministro tunisino dell’Educazione, dell’ambasciatore d’Italia a Tunisi, del titolare della sede AICS di Tunisis e della rappresentante di Unicef Tunisia.

Davanti a circa 600 bambini il ministro Hatem Ben Salem ha sottolineato come il suo ministero “attribuisce grande importanza al miglioramento dell'ambiente scolastico per favorire l'apprendimento garantendo, allo stesso tempo, la salute e il benessere dei bambini." Il ministro ha poi ricordato che "più di mille scuole nelle aree rurali non hanno ancora accesso all'acqua potabile, ai servizi igienico-sanitari e all'igiene di qualità" e che il programma di educazione all'igiene continuerà in molte scuole per tutto l'anno scolastico.

L'ambasciatore d’Italia a Tunisi, Lorenzo Fanara ha sottolineato che il sostegno della Cooperazione italiana è parte di una più ampia strategia che mira a sostenere gli sforzi del ministero dell’Educazione per migliorare la qualità dei servizi scolastici in Tunisia. L'iniziativa, infatti, rientra in un più ampio programma a sostegno del sistema scolastico avviato a ottobre 2016 in partenariato con UNICEF e finanziato con 2,36 milioni di euro dalla Cooperazione italiana.

Le principali attività in fase di esecuzione, con la collaborazione di diversi partner, comprendono la costruzione e ristrutturazione di servizi igienico-sanitari in 11 scuole primarie, una campagna di sensibilizzazione all'igiene in 23 scuole primarie, l'elaborazione di un piano architettonico-tipo per i servizi igienici delle scuole primarie, l'elaborazione di un modello di prevenzione dell'abbandono scolastico e di reinserimento a scuola dei bambini che l’hanno abbandonata e una campagna dedicata proprio al tema dell’abbandono scolastico.

Fare clic per aprire una mappa più grande

 

3 dicembre, Giornata mondiale per la disabilità: Leave no one behind, and break the cycle!

Roma - Il 3 dicembre di ogni anno si celebra in tutto il mondo la Giornata mondiale delle persone con disabilità per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica sull’inclusione sociale e l'abbattimento di ogni barriera.

La Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, adottata nel 2006 e firmata e ratificata dall’Italia, è il punto di riferimento per coloro che sostengono iniziative volte alla promozione dei diritti umani delle persone con disabilità affinché tutti abbiano le stesse opportunità di partecipazione alla vita sociale, culturale ed economica, senza nessuna distinzione.

Lavorare per le persone con disabilità significa promuovere i diritti di coloro che sono i più vulnerabili con la convinzione che nessuno - nemmeno uno - deve essere lasciato indietro.

Leave no one behind, and break the cycle!

A livello internazionale il tema che ispira la campagna di sensibilizzazione di quest’anno è Empowering Persons with Disabilities and Ensuring Inclusiveness and Equality.

Nel 2018 l'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo ha adottato le Linee guida per la disabilità e l’inclusione sociale negli interventi di cooperazione, un documento chiave per consolidare e rafforzare buone pratiche di inclusione nell'ambito di ogni iniziativa di sviluppo.

 

Libia – Al via il più importante programma di cooperazione europea per la stabilità e lo sviluppo

Tripoli - Giovedi 29 novembre l'Agenzia ha partecipato alla prima sessione del Comitato di Pilotaggio del programma europeo Recovery, Stability and Socio-economic Development in Libya a sostegno dei servizi di base in 24 municipalità su tutto il territorio libico. A soli due mesi dalla firma del primo accordo di cooperazione delegata UE-AICS, questa importante riunione ha sancito l'avvio della fase operativa.

Frutto di un'iniziativa congiunta tra l’Unione Europea, il governo libico e il governo italiano a supporto della stabilizzazione del Paese, il programma prevede un finanziamento complessivo di 50 milioni di euro e una durata triennale. L'iniziativa, elaborata nel quadro dell'Emergency Trust Fund for Africa,  rappresenta il più importante intervento UE a sostegno delle municipalità libiche e sarà realizzato in partnership con le agenzie UNDP (18 milioni) e UNICEF (10 milioni), accanto all'Agenzia (22 milioni).

Oltre all'impegno diretto per il potenziamento di strutture per la fornitura, nelle municipalità coinvolte, di servizi di base nei settori salute, istruzione, acqua potabile e protezione igienico-sanitaria, AICS giocherà un ruolo chiave nel coordinamento di un programma cruciale per promuovere la stabilità e migliorare le condizioni di vita della popolazione residente e migrante.

EUTF - Comunicato stampa | ENG

Fare clic per aprire una mappa più grande

 

Firenze – Le immagini della fototeca AICS nell’iniziativa “Black Archive Alliance”

Per tre giorni, dal 27 al 29 novembre, l'atrio della sede AICS di Firenze ha ospitato un'installazione curata dal centro di produzione d’arte contemporanea Villa Romana nell'ambito dell'iniziativa "Black Archive Alliance." Il progetto ha coinvolto numerosi archivi del capoluogo toscano nella ricerca e nell'esposizione di materiali, poco noti al pubblico, che documentano le relazioni tra Italia e Africa nel corso della storia. Anche la fototeca della sede AICS ha messo a disposizione degli autori la propria collezione di immagini storiche: tra queste, una ventina sono state stampate sui manifesti ideati per l'allestimento. L'analisi delle fotografie scattate in Etiopia, Eritrea e Somalia negli anni 1937-'39 ha messo in evidenza aspetti su cui riflettere, come l'assimilazione delle popolazioni locali al paesaggio e alle risorse della terra, in evidente contrasto con il riconoscimento della soggettività dei colonizzatori europei.

Black Archive Alliance - Presentazione dell'iniziativa
.

foto: Andrea Merli

 

Gerusalemme – Ricette toscane in sapor di Palestina per gli aspiranti chef della scuola UNRWA

Gerusalemme – Sedici studenti del corso in Hotel Management della Scuola di formazione professionale UNRWA a Ramallah hanno partecipato a un workshop di cucina organizzato il 22 novembre scorso dalla sede AICS di Gerusalemme e condotto dalla chef Sara Barbara Guadagnoli, membro della Federazione Italiana Cuochi – Lady Chefs.

Nelle quattro ore di corso i ragazzi sono stati guidati nella preparazione di piatti della tradizione toscana, rivisitati secondo gli ingredienti disponibili sul mercato palestinese. Sui tavoli dell'open buffet che ha seguito il lavoro tra i fornelli sono stati serviti piatti da menù con le stelle: spaghetto di zucchine su crema di sedano, parmigiana di melanzane, toppe (maltagliati) con ragù bianco di vitella, spezzatino con patate, zuppa inglese e fragole con panna, in aggiunta a una speciale focaccia a base di pane palestinese - pita - con uova, zucchine e menta.

L'ottimo risultato dell’iniziativa avrà nelle prossime settimane un gustoso seguito con la realizzazione di un libro di ricette toscane, adattate con ingredienti palestinesi, che racconterà attraverso foto e testimonianze dei protagonisti l'esperienza di fusion italo-palestinese sperimentata nello workshop.

L’iniziativa si inserisce nel quadro della terza edizione della Settimana della Cucina italiana nel Mondo, organizzata in Palestina dal Consolato Generale d’Italia a Gerusalemme, che ha promosso una serie di eventi e degustazioni a Gerusalemme, Nablus e Betlemme.

La scelta di collaborare con UNRWA e, in questa particolare occasione, con la Scuola di formazione professionale, sottolinea l’impegno italiano in favore dei rifugiati palestinesi, che nel 2018 ha visto un incremento del 25% dei volumi finanziari allocati a livello regionale - da 11,8 milioni di euro del 2017 si è passati a 14.8. Allo stesso temppo, l'iniziativa conferma l'importanza che la formazione professionale per i giovani, in particolare le donne, riveste all'interno dei programmi dedicati alle pari opportunità di genere e allo sviluppo economico che la sede AICS attualmente gestisce.

Fare clic per aprire una mappa più grande