sede AICS di Yangon, Myanmar – contesto socio economico

Il Myanmar è un Paese che sta attraversando una travagliata fase di transizione dopo 50 anni di chiusura che hanno causato l’isolamento del Paese, aggravato dall’imposizione di sanzioni internazionali e con uno scarso sviluppo economico. Un primo passo verso il cambiamento si è avuto nel 2011 col il governo Thein Sein che ha dato impulso ad un processo di transizione democratica e di riforme.

Nel novembre 2015, le elezioni generali hanno registrato la vittoria della Lega Nazionale per la Democrazia di Aung San Suu Kyi. L’attuale Governo democratico si trova ad affrontare una fase di transizione caratterizzata da grandi sfide: il passaggio dalla dittatura alla democrazia, da un’economia centralizzata ad un’economia di mercato, dal conflitto alla pacificazione.

 Dati di sintesi

sede AICS di Yangon, Myanmar – contesto socio economico

L’Italia sostiene tale processo di democratizzazione sin dal 2012, quando, a seguito della cancellazione delle sanzioni internazionali, ha avviato un programma di interventi in Myanmar articolato, in un primo periodo, soprattutto attraverso attività di capacity building istituzionale, riabilitazione e formazione. Tali attività erano intese a sostenere gli sforzi delle istituzioni locali volti ad attuare politiche inclusive nel settore dello sviluppo rurale e della sicurezza alimentare, nonché intervenendo in ambiti in cui l’Italia vanta competenze internazionalmente riconosciute, quale quello della protezione del patrimonio culturale.

 

 

 

sede AICS di Yangon, Myanmar – contesto socio economico

 

sede AICS di Yangon, Myanmar – contesto socio economico