Somalia – Con la regolamentazione delle concessioni di pesca, sostenuta dall’Italia, un altro passo avanti nella governance del Paese

Mogadiscio – Si è svolta martedì 11 dicembre la cerimonia per la firma delle concessioni di pesca nelle acque territoriali somale da parte del Ministro federale della pesca e delle risorse marine.

La creazione di un meccanismo volto alla formalizzazione e al rilascio legale di concessioni di pesca era l’obiettivo di un progetto di cooperazione finanziato dall’Italia e realizzato dalla FAO. Sino ad oggi le concessioni di pesca venivano concesse ad hoc sulla base di decisioni individuali prese dai titolari dei dicasteri competenti a livello federale e regionale, in assenza di qualsiasi procedura definita e trasparente, con la conseguenza che il ricavato delle concessioni diventava spesso oggetto di pratiche illecite.

Si è trattato quindi di un avvenimento storico, come ha rilevato il direttore per la Somalia della Banca Mondiale, invitato all’evento, il quale ha sottolineato l’importanza del cambio di rotta non solo perché ad oggi costituisce l’unico esempio di gestione di ricavi provenienti da risorse pubbliche in Somalia, ma anche perché effettivamente gli importi sono stati depositati direttamente nel conto centrale della tesoreria dello Stato, presso la Banca Centrale somala.

Tale procedura virtuosa costituisce di per sé un ottimo punto di partenza per il completamento dei progressi indicati dal Fondo Monetario Internazionale nel quadro del processo di assistenza tecnica denominato Staff-Monitored Program (SMP).

 

 

Tagged .