Omaggio a Eusebio Leal – webinar, 16 Novembre

16 Novembre 2020, ore 15.30

Programma webinar “Eusebio Leal, una vita per il Patrimonio


Per partecipare all’evento è necessaria la  REGISTRAZIONE
successivamente alla registrazione verrà inviata una mail di conferma

Eusebio Leal, direttore dell’Oficina del Historiador:

I Caraibi sono come il Mediterraneo americano. In quel mare le civiltà e le culture si sono mosse per migliaia di anni e da quel momento si sono fuse tutte le correnti dell’architettura della cultura e si produsse una fusione umana molto importante. L’Avana è una città misteriosa e attraente. Nessuno può rimanere indifferente al suo fascino perché è una città bellissima e allo stesso tempo una città che deve essere sempre scoperta. Ogni città è una creazione umana. Niente può essere paragonato a Roma. Niente può essere paragonato a Venezia. È qualcosa di supremo. Allo stesso modo, Havana è assolutamente differente.

L’architettura è fragile soprattutto a causa del clima, del cambiamento climatico. Cuba è un’isola. Il cambiamento climatico è una minaccia. Negli ultimi anni diversi cicloni hanno colpito Cuba. Nessuno direttamente a L’Avana, ma non è stato possibile evitare che quando i cicloni lasciano il Golfo del Messico verso il sud di Cuba il mare penetri a L’Avana. Durante l’ultima inondazione, le onde hanno coperto il faro del Morro e il mare è penetrato per un chilometro nella città avvicinandosi alla città storica, danneggiando irreversibilmente il Malecón, cosa che ha comportato un danno molto grande perché noi avevamo combattuto disperatamente per preservare l’architettura del Malecón.

Quindi è un impegno, per questo sono così profondamente grato alla Cooperazione Italiana. In primo luogo perché tutti noi formati nella scuola italiana di restauro, tutti i principali architetti del plan maestro, io stesso, siamo passati attraverso le borse di studio del Ministero degli Affari Esteri e ci siamo formati in Italia, viviamo da vicino qualcosa di più importante dell’eredità del popolo italiano.

Ecco perché presiedo la Società Dante Alighieri, ecco perché realizziamo la Settimana di Italianista. Ecco perché realizziamo la Settimana della cultura italiana, perché è un impegno profondo, non solo con la cooperazione ma con la cultura. Abbiamo ottimi rapporti con l’IILA, l’Istituto Latinoamericano. Con l’IILA sono stati organizzati corsi di formazione in tutte le arti della ristorazione, legno, vetro e carta.

Estratto dell’intervista a Eusebio Leal
di Emanuele Bompan, 2019