Bolivia – Acqua sicura e accessibile sull’altopiano boliviano grazie al credito d’aiuto

La Paz – Venerdì 8 giugno, in una cerimonia ufficiale che ha avuto luogo nel salone Tiwanaku del Ministero degli Esteri, l’ambasciatore d'Italia Placido Vigo e il Cancelliere boliviano Fernando Huanacuni hanno firmato l’accordo per la realizzazione del “Programma Nazionale di Raccolta dell’Acqua per la Vita” finanziato dalla Cooperazione italiana con un credito d’aiuto del valore di 25 milioni di euro.

L’intesa conferma il forte impegno dell’Italia sul tema dell’accesso universale all’acqua, uno degli obiettivi dell’Agenda 2030, e sosterrà un importante intervento nel settore idrico, diretto a garantire l’accesso e la disponibilità di acqua sicura a beneficio di comunità rurali, scuole e centri di salute dei dipartimenti di Oruro e Potosí, che presentano condizioni di estrema povertà e vulnerabilità ai cambiamenti climatici.

In particolare, l'intervento sarà indirizzato verso 25 municipi e 136 comunità dell’altopiano boliviano dove la cronica carenza d’acqua e la scarsità di fonti idriche sicure sono fenomeni che, molto spesso, minacciano la produzione agricola e mettono in pericolo la salute della popolazione. Malattie e infezioni di origine idrica sono diffuse in queste regioni e registrano un’alta incidenza sulle fasce più vulnerabili, quali anziani e bambini.

Attualmente la copertura idrica nelle comunità di intervento si attesta al 4%. Con l’intervento finanziato dalla Cooperazione italiana e realizzato dal Ministero boliviano dell’Ambiente e dell'Acqua si prevede di raggiungere l’84% di copertura e oltre 20mila beneficiari diretti. Il programma lavorerà, nello specifico, sulla costruzione e installazione di sistemi per la captazione, lo stoccaggio e la depurazione dell’acqua piovana attraverso 6mila serbatoi per la raccolta dell’acqua, oltre che su attività di formazione sull’uso e manutenzione dei serbatoi e in materia di educazione sanitaria e ambientale.

Nel suo intervento, l’ambasciatore Vigo ha ricordato l’importanza del contributo italiano per il raggiungimento degli obiettivi settoriali fissati dal Piano Nazionale di Sviluppo 2016-2020, oltre che per incoraggiare un ulteriore rafforzamento delle relazioni bilaterali. Il Cancelliere boliviano ha espresso grande soddisfazione per la firma dell’accordo, ringraziando l’Italia per il sostegno assicurato a un programma di assoluta rilevanza per l’esecutivo boliviano e ritenuto altamente prioritario dallo stesso presidente Morales, per il quale, ha sottolineato il Ministro Huanacuni, l’acqua è “la sangre de la Madre Tierra”, diritto umano universale e inalienabile.

Fare clic per aprire una mappa più grande

 

Bolivia – “Amazonía sin Fuego”, programma sulla riduzione degli incendi, in un libro fotografico

Si è tenuta nei giorni scorsi a La Paz, nell’ambito di un evento organizzato dal Ministero dell’Ambiente della Bolivia, la presentazione del libro "Amazonía sin Fuego", racconto fotografico dell’iniziativa promossa dalla Cooperazione italiana che, attraverso la formazione tecnica e la promozione di alternative all’uso del fuoco nelle attività agricole e produttive, punta alla riduzione degli incendi forestali nella regione amazzonica boliviana. Il volume, impreziosito dagli scatti della giornalista Rai Liza Boschin, raccoglie le esperienze del programma Amazonía sin Fuego (PASF), una delle best practices in materia di conservazione ambientale e sviluppo sostenibile in ambito rurale che, dopo gli eccellenti risultati ottenuti in Brasile (1999-2009), è stato attivato dapprima in Bolivia e, a partire dal 2016, in Ecuador.

L’evento, che ha visto la partecipazione dei massimi rappresentanti istituzionali dei Paesi e delle agenzie che sostengono il programma Amazonía sin Fuego (PASF), si è aperto con la presentazione dei risultati raggiunti nelle prime due fasi dell’iniziativa (2012-2016), a cui ha fatto seguito l’introduzione delle linee strategiche della terza fase, di prossima attivazione.

Sul fronte dei risultati, va segnalato l’impatto altamente positivo dell’iniziativa in termini di riduzione dei focolai di incendio (-70%), diminuzione della superficie boschiva bruciata (-80%) e delle emissioni di CO2, scese del 65% nelle aree d’intervento del PASF. Importanti risultati sono poi quelli legati alle attività di formazione, la componente principale del programma, con la realizzazione di 1.100 moduli formativi in quattro anni e un totale di oltre 35.000 partecipanti ai corsi. Questi elementi – assieme alle collaborazioni istituzionali e accademiche sviluppate e agli importanti contributi offerti in materia di definizione di politiche pubbliche – hanno fatto del PASF uno strumento centrale nell’ambito delle politiche di sviluppo nazionali.

A testimonianza dell’ampio consenso istituzionale maturato attorno all’iniziativa, la presenza all’evento della Ministra dell’Ambiente della Bolivia, Alexandra Moreira, dell’Ambasciatore d’Italia a La Paz, Placido Vigo, del Direttore della sede AICS di La Paz, Vincenzo Oddo, oltre ai rappresentanti della Banca di Sviluppo dell’America Latina (CAF) e della Cooperazione Tecnica dell’Ambasciata brasiliana in Bolivia, partner che, assieme all’Italia, finanziano l’intervento.

La Ministra Moreira, oltre a sottolineare gli importanti risultati raggiunti in termini di riduzione degli incendi, ha auspicato che le attività di formazione e sensibilizzazione promosse dal PASF possano, nella terza fase, essere estese a ulteriori aree e, soprattutto, che la proposta metodologica del programma possa essere assorbita dalla Bolivia, in maniera tale da costituire il punto di partenza per tracciare una nuova politica pubblica settoriale. Opinione condivisa anche dall’ambasciatore Vigo che, nel suo intervento, ha richiamato l’importanza della prossima fase nell’ottica dei principi di efficacia e ownership dell’aiuto, elogiando gli sforzi delle diverse istituzioni coinvolte e riconoscendo il valore di un’iniziativa con carattere e visione regionale, che oltrepassa i confini politici per diventare un punto di riferimento a livello internazionale in materia di sviluppo sostenibile.

È stato infine sottolineato il valore del libro fotografico, strumento che rimane a testimonianza di un lavoro così importante come quello svolto nell’ambito del progetto e che, al contempo, permette di capitalizzare gli sforzi dell’Italia su temi centrali per l’agenda di sviluppo, quali la tutela dei boschi, la gestione sostenibile delle risorse forestali e la mitigazione del cambiamento climatico.

Fare clic per aprire una mappa più grande

 

Bolivia – Azioni e strategie per la popolazione vulnerabile: il contributo della Cooperazione italiana

Si è tenuto il 15 e 16 dicembre a La Paz un seminario internazionale sulle strategie di approccio alla popolazione vulnerabile organizzato dal Ministero della Giustizia boliviano e dalla Ong Munasim Kullakita, con la partecipazione della Cooperazione italiana, Conferenza Episcopale Italiana, Vuela Libre, Ecpat, Educo e del Ministero federale tedesco per la cooperazione economica e lo sviluppo (BMZ).

Nei due giorni di workshop sono state affrontate tematiche molto sensibili per la regione, operando un esercizio diretto a declinare le diverse metodologie praticate a livello internazionale, con particolare riferimento all’area Latino-Americana, in materia di riduzione del danno a favore di persone in situazioni critiche, dal consumo di sostanze stupefacenti al traffico di esseri umani, dallo sfruttamento sessuale minorile all'emarginazione e alla vita di strada.

Di assoluto rilievo è stato il contributo della Cooperazione italiana che, attraverso gli  interventi degli esperti Roberto Merlo e Vincenzo Castelli, ha presentato un’analisi su aspetti inerenti il lavoro di comunità, le reti sociali, la sicurezza urbana e i modelli di sviluppo urbano. Le conoscenze e le esperienze maturate, frutto delle molteplici azioni sviluppate in Italia negli ultimi decenni, sono state raffrontate ai principali modelli latinoamericani, con cui i nostri esperti si sono misurati per anni.

La partecipazione dei relatori italiani, con esperienza trentennale in materia di strategie di intervento sociale nelle dipendenze, fa seguito al contributo offerto nell’ambito dell’incontro sul trattamento comunitario del 17 e 18 novembre scorsi, promosso dal Municipio di La Paz, durante il quale era stata sviluppata una riflessione sul ruolo e l’apporto della comunità locale per la riduzione di situazioni di disagio sociale nel territorio, attraverso la disamina di alcuni modelli di intervento sul trattamento comunitario realizzati in Italia e in America Latina (Banco del Tempo, Clinica Comunitaria, impresa di strada).

Si chiude in questo modo la missione dei due esperti in Bolivia, le cui attività si inseriscono nel quadro del programma di assistenza tecnica al Ministero della sanità, iniziativa finanziata dall’Agenzia che si concentra sul rafforzamento delle politiche pubbliche relative all’implementazione del Sistema Unico di Salute, la generazione di strategie operative di riabilitazione per le malattie sociali (alcoolismo, tossicodipendenza, tabagismo...) e per persone diversamente abili, riaffermando l’assoluta centralità dell’aiuto allo sviluppo italiano nel settore salute in Bolivia.

 

Fare clic per aprire una mappa più grande

 

Bolivia: Pam, Italia e Svizzera insieme per rafforzamento sicurezza alimentare

Il Programma alimentare mondiale (Pam), l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo sviluppo (Aics) e la Cooperazione svizzera (Cosude) hanno presentato i risultati dei progetti realizzati attraverso lo strumento del trasferimento di denaro contante, una delle modalità più innovative in termini di assistenza alimentare e sempre più utilizzata a livello globale. Durante l’evento, che ha visto la partecipazione del viceministro boliviano della Difesa, Oscar Cabrera, è stato presentato il rapporto “Sistematizzazione delle esperienze Cbt del Pam Bolivia 2013-2016”, che raccoglie le esperienze, “best practice” e i risultati delle iniziative eseguite dal Pam a sostegno della sicurezza alimentare delle popolazioni vulnerabili dei dipartimenti di Santa Cruz, Pando, Chuquisaca e Tarija.

I progetti, finanziati delle agenzie di cooperazione di Italia e Svizzera, hanno ottenuto eccellenti risultati sul piano dell’assistenza alimentare alle famiglie (10 mila beneficiari in totale) attraverso il “cash based transfers”, metodologia che in Bolivia è stata adottata in risposta a situazioni di emergenza e post-emergenza, progetti di sviluppo comunitario e interventi diretti alla riduzione del rischio disastri e al rafforzamento delle capacità di adattamento ai cambiamenti climatici.

L’analisi formulata dal Pam ha rilevato che i trasferimenti di denaro – realizzati attraverso sms, contanti, coupon cartacei o elettronici – oltre a risultare particolarmente efficaci in termini rafforzamento della sicurezza alimentare delle comunità, hanno generato un impatto positivo sulle economie locali, dal momento che i fondi messi a disposizione dei beneficiari sono stati utilizzati per acquistare generi alimentari, merci e prodotti utili alla sussistenza familiare presso le attività commerciali locali convenzionate con il programma.

Bolivia2_foodsecurity 660x440

Bolivia_foodsecurity 660x440

Esperti boliviani e italiani disegnano il nuovo Centro di Conservazione del Patrimonio Culturale a La Paz

Lo scorso 7 giugno, nella prestigiosa cornice dell’auditorium del Museo Archeologico Nazionale di La Paz, gli esperti della Cooperazione Italiana hanno presentato la bozza di piano programmatico per l’istituzione di un Centro di Conservazione dei Beni e del Patrimonio Culturale. Alla presentazione hanno partecipato più di 50 esperti e studiosi di spicco dei vari settori coinvolti nella conservazione e restauro del patrimonio culturale boliviano. La lunga attività di analisi tecnico-scientifica, sviluppata nell'arco di oltre un anno da parte degli esperti della Cooperazione italiana nel quadro di un’iniziativa di rafforzamento istituzionale del Ministero boliviano di Cultura e Turismo, si è conclusa con la prima definizione organica di progetto per la creazione del Centro di Conservazione, ritenuta fondamentale per la tutela dei Beni Culturali del Paese.
Si tratta del "Centro Plurinacional de Preservaciòn del Patrimonio Cultural Boliviano", la cui struttura e organizzazione tecnico-amministrativa è stata definita in un progetto di fattibilità che passerà ora al vaglio dell’esecutivo boliviano. Il Centro è concepito per dare soluzione agli attuali problemi in materia di conservazione del ricco patrimonio materiale e immateriale della Bolivia, relativo alle identità dei popoli nativi indigeni, le comunità afro-boliviane, le comunità interculturali e meticce, curando l'identità nazionale e latino-americana. L’obiettivo principale è quello di raggiungere l’autonomia necessaria per assicurare la conservazione e restauro dei beni culturali, istituendo una scuola boliviana sostenibile per la conservazione del patrimonio e la produzione di risorse per la conservazione di ogni espressione culturale esposta a fattori di deterioramento, realizzando piani di manutenzione adeguati e rafforzando una politica di conservazione preventiva.

L’evento di presentazione, aperto dal direttore della Sede AICS di La Paz, Felice Longobardi, ha visto gli interventi della direttrice generale del Patrimonio del Ministero di Cultura e Turismo boliviano, Sonia Aviles e del direttore del Laboratorio di Restauro di La Paz, Carlos Rua. Sono quindi intervenuti gli esperti italiani che, congiuntamente al personale della Sede AICS di La Paz, lavorano sul Programma di Assistenza Tecnica al Ministero di Cultura e Turismo finanziato dalla nostra Cooperazione. Simona Piras, esperta in gestione culturale e turistica, ha illustrato i tratti principali di tale programma, le cui attività stanno fornendo un importante contributo per il rafforzamento istituzionale della controparte ministeriale; Renzo Carlucci, esperto in tecnologie applicate ai Beni Culturali, ha quindi presentato la proposta tecnica, finanziaria e concettuale per la creazione del centro, che potrebbe diventare il punto di riferimento per l’articolazione di iniziative, esperienze e conoscenze degli strumenti adottati per la salvaguardia e la conservazione. In questo modo, tutti gli apporti conoscitivi andrebbero a confluire su di un unico polo centrale, per poi essere opportunamente scambiati e diffusi su più livelli: internazionale, nazionale, regionale, locale e delle comunità indigene.

Sul piano della localizzazione del Centro è stato individuato uno spazio di 800 m² nella zona della vecchia stazione ferroviaria di La Paz, area attualmente oggetto di interventi di recupero tesi alla creazione del Parco della Cultura. Considerato l’alto potenziale dell’area, che nel futuro prossimo sarà interamente dedicata alla cultura, ci si augura che il Centro possa sorgere proprio su questi terreni, attualmente di proprietà di Mi Teleferico, società statale responsabile della gestione dell’impianto a fune che permette il trasporto via cabinovia nell’area urbana di La Paz.


Bolivia - Rassegna Stampa

Fare clic per aprire una mappa più grande

BOL_03w

BOL_04w

BOL_06w

BOL_02w

BOL_01w

BOL_05w