Il direttore dell’Aics Maestripieri celebra la conclusione del progetto Archivio Somalia

In occasione della conclusione del progetto Archivio Somalia, finanziato dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics), si è svolto giovedì 22 settembre, presso l’università capitolina Roma Tre, il convegno organizzato dal Centro Interdipartimentale di Ricerca di Studi Somali (Cirss), dal titolo La scrittura della lingua somala: 50° anniversario e Archivio Somalia: le leggi dal 1950 al 1989.

La giornata, a cui ha preso parte il direttore dell’Aics Luca Maestripieri, è stata un occasione per ricordare l’importanza della conservazione del patrimonio culturale e sottolineare i profondi legami di cooperazione tra Italia e Somalia.

L’obiettivo di Archivio Somalia è quello di contribuire al processo di ricostruzione dell’identità nazionale somala attraverso la conservazione e la messa a disposizione in rete di documenti relativi alla lingua, alla storia, alle leggi e ad altri aspetti della cultura e della società del Paese africano. Archivio Somalia è un progetto estremamente utile perché permette alle istituzioni e a tutta la comunità somala di usufruire di queste carte tramite un database, ha ricordato durante il convegno anche il direttore Maestripieri.

Da parte somala, come già evidenziato in occasione dell’evento organizzato all’Università Roma Tre il 24 maggio 2017, i riscontri sono stati più che positivi e sono sempre di più gli utenti che dichiarano di prendere Archivio Somalia come punto di riferimento per le loro ricerche.

Il supporto dell’Agenzia, grazie anche al Cirss dell’università di Roma Tre è stato prezioso, hanno ricordato le autorità somale presenti all'ultimo convegno di Roma, la sottosegretaria all’Istruzione, Nura Mustaf Mukhtar e il ministro Federale della Giustizia, Hassan Moalim.

L'evento conclusivo del progetto Archivio Somalia