Roma, 16 ottobre – Papa Francesco ospite d’eccezione alla Giornata Mondiale dell’Alimentazione

.
Roma – Il prossimo 16 ottobre, come ogni anno sarà celebrata la Giornata Mondiale dell’Alimentazione, organizzata dalla FAO per commemorare la fondazione dell’Organizzazione nel 1945. In oltre 150 paesi nel mondo si organizzano eventi che lo rendendo uno dei giorni più celebri del calendario delle Nazioni Unite. Tali eventi, a livello mondiale, sono volti alla sensibilizzazione ed alla mobilitazione per chi soffre la fame e per garantire sicurezza alimentare e diete nutrienti per tutti.

La Giornata Mondiale dell’Alimentazione è una opportunità per mostrare l’impegno internazionale verso l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile (SDG) n. 2 per raggiungere Fame Zero entro il 2030.

Il 16 ottobre, in occasione della cerimonia ufficiale che si terrà presso la Sede centrale della FAO e sarà aperta dal Direttore Generale della FAO e vedrà la partecipazione straordinaria di Papa Francesco. Saranno presenti inoltre i Ministri dell’agricoltura che partecipano alle riunioni del Gruppo dei Sette (G7). Per tradizione, durante la cerimonia della GMA, veniva letto un messaggio di Sua Santità. Quest’anno, per la prima volta, il Papa sarà presente ed esorterà la comunità internazionale a cambiare il futuro della migrazione. La presenza dei Ministri dell’agricoltura del G7 ci ricorderà, in modo tangibile all’interno dell’agenda politica, l’importanza del legame fra sicurezza alimentare, sviluppo rurale e migrazione. Fra gli altri invitati speciali, segnaliamo la presenza del Commissario UE Phil Hogan e dei Capi di IFAD e PAM.

Anche quest’anno verranno organizzati diversi eventi sul territorio nazionale nell’ambito della GMA, che coinvolgeranno anche studenti delle scuole primarie e secondarie e le Università.

Cambiamo il futuro delle migrazioni. Investiamo in sicurezza alimentare e sviluppo rurale.

Questo è il tema del dibattito della GMA 2017, che riguarda un problema cruciale che esige un’azione a livello globale. I conflitti sono una delle cause di esodo di masse di popolazione dai paesi di origine. Ma anche la fame, la povertà, ed un incremento degli eventi meteorologici estremi legati ai cambiamenti climatici sono fattori importanti che contribuiscono alla sfida della migrazione.

Le azioni principali alla lotta alle migrazioni sono quelle di creare le condizioni che permettano alle popolazioni rurali, ai giovani in particolare, di rimanere nel proprio paese di incrementare la sicurezza alimentare, i mezzi di sostentamento più resilienti, un migliore accesso alla protezione sociale, ridurre i conflitti sulle risorse naturali, combattere il degrado ambientale e i cambiamenti climatici.

Investendo nello sviluppo rurale, la comunità internazionale può inoltre trarre vantaggio dal potenziale della migrazione per sostenere lo sviluppo e contribuire alla capacità di recupero delle comunità dislocate e ospitanti, ponendo le basi per una ripresa a lungo termine ed una crescita inclusiva e sostenibile.

 

Roma, 26 marzo – Workshop per la definizione di proposte sul finanziamento di iniziative di cooperazione nel settore energia

Lunedì 26 marzo, nella sala conferenze ENEA di Via Giulio Romano 41, si terrà un workshop per la definizione di proposte operative in attuazione delle Linee Guida elaborate dalla piattaforma nazionale multi-attoriale per l’Energia e lo Sviluppo, recentemente adottate dal Comitato congiunto per la cooperazione allo sviluppo.

Agenda dei lavori
Info e registrazione

 

Roma, 26-27 ottobre – La migrazione come opportunità al centro del workshop internazionale promosso da ICID e IFAD

.
Roma – Sette priorità per una migrazione sostenibile e per trasformare la sfida della migrazione in un’opportunità per i Paesi d’origine così come per quelli di destinazione. Se ne discute al workshop di sviluppo internazionale organizzato dall’Italian Centre for International Development (ICID), con la collaborazione dell’International Fund for Agricultural Development (IFAD) e dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), a Roma, il 26-27 Ottobre 2017, presso la Facoltà di Economia dell’Università di Roma “Tor Vergata”.

Le priorità identificate da ICID nel rapporto “Towards sustainable migration – Interventions in countries of origin” come pilastri strategici, affrontano le determinanti del fenomeno migratorio e spostano la frontiera di intervento nei Paesi di origine, permettendo di cogliere le opportunità di crescita e sviluppo legate alla migrazione stessa. Queste priorità saranno il punto di partenza per un confronto costruttivo tra il mondo accademico e gli attori coinvolti, ovvero istituzioni pubbliche, organizzazioni internazionali e non governative.

La migrazione sostenibile è infatti il tema al centro del panel conclusivo cui prenderanno parte, Furio Rosati, direttore di ICID, Laura Frigenti, Direttore dell’AICS, Cristina Franchin, Responsabile delle Relazioni Esterne dell’UNHCR, Novella Mori, direttore di Un Ponte per… e un rappresentante di Save the Children.

Durante i due giorni di lavori, ricercatori provenienti da tutto il mondo discuteranno oltre che di migrazione, anche di altre tematiche rilevanti per il futuro dello sviluppo globale, quali cambiamento climatico, sviluppo rurale, e trasferimento monetario, con l’obiettivo di guidare la ricerca nel prossimo futuro.

Programma 26-27 ottobre 2017

Comunicato

 

Elenco OSC, richiesta dal Comitato Congiunto la pubblicazione del Codice etico dei soggetti senza scopo di lucro

Roma – Il 6 settembre 2018 il Comitato Congiunto ha approvato una modifica alle Linee Guida per l’iscrizione all’elenco OSC dei soggetti senza finalità di lucro ai sensi dell’art. 26, commi 2 e 3, della legge 125/2014 che prevede:

• la pubblicazione da parte delle OSC dei rispettivi Codici etici sui propri siti;

• la presenza nei suddetti Codici di riferimenti puntuali al rispetto di determinati principi e regole di comportamento a salvaguardia e protezione dei diritti umani delle fasce deboli, fragili e vulnerabili (minori, disabili, donne, etc.);

• la presenza di misure necessarie per prevenire o far cessare e sanzionare ogni comportamento che vìoli i principi suddetti;

• la cancellazione dall’elenco OSC per l’inosservanza di quanto sopra.

 

Business e Cooperazione allo sviluppo, l’esperienza dell’incontro pubblico di Trento

Il 18 ottobre scorso lo workshop itinerante sulle opportunità del bando AICS dedicato alle imprese, promosso dall’Ufficio VIII dell’Agenzia in collaborazione con l’Università Roma 3, ha fatto tappa a Trento per promuovere il coinvolgimento responsabile del settore privato nelle iniziative di cooperazione, in vista della prossima edizione del bando e con l’obiettivo di favorire partnership reali e di valore tra i diversi attori interessati.

L’evento, organizzato con il supporto del dirigente del Servizio Attività internazionali della Provincia autonoma di Trento, Raffaele Farella, è stato ospitato presso la sede della Regione Trentino Alto-Adige, con la partecipazione dell’assessore della Giunta provinciale all’università e ricerca, politiche giovanili, pari opportunità e cooperazione allo sviluppo, Sara Ferrari.

Il seminario ha visto la partecipazione di una platea multi-attore composta da numerosi rappresentanti del settore privato e delle organizzazioni della società civile coinvolti in attività di cooperazione internazionale e potenzialmente interessati alle opportunità offerte dal bando.

Nella prima parte dell’incontro è stato illustrato il quadro normativo e istituzionale nel quale si inserisce il bando, mentre nella seconda è stato facilitato un dibattito con i partecipanti sulle caratteristiche degli strumenti a supporto della partecipazione del settore privato in ambito di cooperazione. Inoltre sono stati analizzati alcuni casi studio, scelti tra le iniziative approvate attraverso il bando Profit 2017, allo scopo di evidenziare i requisiti richiesti e di condividere con i partecipanti un’analisi attenta sui criteri di aggiudicazione dei fondi.

Gli interventi degli attori coinvolti hanno manifestato un alto livello di interesse verso i temi della cooperazione allo sviluppo e hanno espresso le potenzialità di un network molto attivo, in grado di sviluppare idee innovative che il bando Profit 2018 potrebbe essere in grado di catalizzare.

Trento, 18 ottobre – Business & Cooperazione
.

 

Genova, 24 ottobre – Il ministro Giro torna a incontrare gli studenti nel tour “Il nostro futuro nel mondo”

In vista del Primo Forum Nazionale della Cooperazione si svolgerà a Genova un’altra tappa del progetto “Cooperazione internazionale – Il nostro futuro nel mondo”. Il vice ministro degli Esteri con delega alla Cooperazione Mario Giro, in tour nelle università italiane, illustrerà ai giovani studenti genovesi tutte le opportunità di lavoro che la Cooperazione internazionale offre ai giovani oggi e le modalità di partecipazione per accedere alle borse di studio offerte dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo che verranno assegnate nel 2018.

L’incontro, organizzato d’intesa con l’Università di Genova, s’inserisce nel più vasto progetto a livello nazionale che comprende una serie di giornate d’orientamento sulle opportunità di lavorare con la Cooperazione Internazionale, dove gli studenti universitari e quelli dell’ultimo anno delle superiori sono i protagonisti di un confronto libero e informale.

Locandina Genova