Guatemala – Ridurre le disuguaglianze di genere in termini di opportunità di lavoro, reddito e accesso al credito, al via un’iniziativa regionale con UN-Women

Città del Guatemala –  L’obiettivo sostenibile # 5 afferma che “L’empowerment delle donne e delle ragazze è fondamentale per stimolare la crescita economica e promuovere lo sviluppo sociale.” Alla luce di questo, il 31 ottobre scorso UN Women Guatemala e AICS hanno lanciato il progetto “Empowerment economico delle donne in Guatemala, El Salvador e Honduras.”

L’obiettivo dell’iniziativa, sostenuta da un contributo dell’Agenzia di 3,5 milioni di euro, è quello di migliorare le condizioni di vita e le capacità delle donne nei tre Paesi dell’America centrale, a partire dalla valorizzazione di esperienze, strumenti, metodologie e lezioni apprese dagli stati membri del Sistema di integrazione centroamericana (SICA) attraverso il programma per lo sviluppo economico locale e delle donne. Il progetto si baserà su un approccio territoriale per affrontare sfide quali le disparità di genere nel mercato del lavoro, la concentrazione delle donne nei settori a bassa produttività e le disuguaglianze in tema di accesso al credito, alle risorse produttive e a fonti di reddito personali. Queste sfide sono particolarmente acute in un contesto di povertà, disoccupazione diffusa e violenza che porta all’aumento del numero delle donne migranti e all’intensificarsi dello sfruttamento delle risorse in America centrale.

In Guatemala la popolazione in condizioni di povertà è  pari al 59,3% (LSMS 2014), mentre la povertà estrema si attesta al 23,4%. Questa criticità è maggiormente avvertita dalle donne guatemalteche, le quali hanno un tasso di partecipazione al mercato del lavoro del 40,6% rispetto all’84,3% degli uomini (ENEI, 2017). Allo stesso tempo, il reddito medio per le donne maggiori di 15 anni é pari a 1.851,8 Quetzales, rispetto a 2.156,20 Quetzales per gli uomini nella stessa fascia di età.
.

 

Torrefazione rurale e “Centro de Atención a la Mujer”: due nuove risorse per i produttori di caffè

Guatemala - Il 6 giugno 2016 si è svolto presso l’Associazione Desarrollo Integral El Esfuerzo Tuiboch - Asodiet, nel Municipio di Todos Santos Cuchumatán, Huehuetenango, l’evento di inaugurazione della Torrefazione rurale e del “Centro de Atención a la Mujer - CAM”, nell’ambito del Programma CaféyCaffè. Hanno partecipato all’avvenimento l’Ambasciatore d’Italia in Guatemala Edoardo Pucci, il Direttore della sede estera regionale AICS di San Salvador, Marco Falcone, il coordinatore del progetto, Massimo Battaglia, la coordinatrice locale Brenda Reyes, il direttore esecutivo di Funcafé Mynor Maldonado, i membri del comitato direttivo di Funcafé Luce Mackenney e Bernardo Solano, i membri del comitato direttivo di Anacafé Alejandro Solis e Douglas Recinos, tecnici di Anacafè ed autorità locali. Questa iniziativa è stata realizzata grazie all’impegno tecnico e finanziario del Programma CaféyCaffè, finanziato dalla Cooperazione italiana, a beneficio dei piccoli produttori di caffè del Guatemala, con la finalità di migliorare la qualità della vita dei piccoli produttori di caffè attraverso la riduzione della vulnerabilità socio-economica e rafforzando la sostenibilità del loro lavoro.

L'installazione e le attrezzature della torrefazione rurale sono state possibili grazie al sostegno del programma, in alleanza tecnica con l’Associazione Nazionale del Caffè del Guatemala - Anacafé con la finalità di completare la filiera produttiva aggiungendo valore a quest'ultimo anello. La torrefazione lavorerà il caffè verde, non destinato all’esportazione, che verrà distribuito a livello locale e nazionale.

Il Centro di attenzione alle donne CAM, invece, è stato realizzato in collaborazione con Funcafè -  braccio sociale della caffeicoltura guatemalteca - come presidio funzionale, organizzato con tre differenti componenti legati a salute, istruzione e alimentazione a beneficio dei soci dell’Associazione, con la finalità di contribuire a migliorare le condizioni di salute e di vita, in particolare delle donne e delle loro famiglie. Il Centro è stato completato da un Coffee Kindergarden, per poter ospitare i bambini, figli dei produttori, durante le fasi della raccolta del caffè.

Fare clic per aprire una mappa più grande

GUA_02w

GUA_08w

GUA_01w

GUA_07w

GUA_09w

GUA_04_SQ_w

GUA_05w

GUA_10w