Il direttore Aics Maestripieri apre un seminario sull’integrazione dei lavoratori pakistani in Italia

Il direttore dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics), Luca Maestripieri, nella mattinata del 7 novembre, ha aperto un seminario organizzato a Roma da Iscos, l'Istituto Sindacale per la Cooperazione allo Sviluppo della Cisl, per presentare i risultati di un progetto promosso e finanziato dall’Agenzia sull’integrazione socio-lavorativa dei cittadini pakistani in Italia.

Il progetto, denominato "Promotion of Decent Work opportunities for the economic Empowerment of vulnerable segments of society", è partito nel novembre 2020 ed è realizzato dall’Italian Labour Organization (Ilo) in Pakistan in collaborazione con l’ufficio Ilo per l’Italia e San Marino e da Iscos. L’evento di Roma aveva l’obiettivo di fare il punto sulle sfide comuni, capitalizzare i risultati ottenuti, migliorare la governance dei processi migratori ed incrementare investimenti e relazioni commerciali nell’ambito dei programmi di cooperazione tra Italia e Pakistan.

Questo progetto, ha affermato Maestripieri:

“rappresenta un'esperienza di successo nella promozione di nuovi modelli di cooperazione, con attori pubblici e privati, profitti e no profit, università e organizzazioni della società civile e sindacati, unendo gli sforzi con soluzioni innovative allo sviluppo sostenibile”.

Il direttore di Aics ha rimarcato inoltre il ruolo delle diaspore, diventate “un nuovo ponte di solidarietà e opportunità” in questa e altre iniziative, oltre a sottolineare l’importanza dei sindacati: “attori chiave” nel processo per garantire un lavoro dignitoso a tutti.

All’evento sono intervenuti Muhammad Zubair, ministro pakistano dello sviluppo delle risorse umane e dei pakistani all'estero, il segretario generale del Pwf, sindacato pakistano, Chaudhry Muhammad Yaseen e il suo vice Saad Muhmmad, nonché i rappresentanti delle imprese pakistane. Sul lato italiano, oltre a Gianni Rosas, direttore di Ilo Italia, e Tatiana Esposito, direttrice generale per l’Immigrazione e le politiche per l’integrazione del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali italiano, hanno partecipato Giulio Romani, segretario confederale Cisl, Maria Ilena Rocha, presidente di Anolf, Paolo Pozzo di Iscos Piemonte che ha coordinato il progetto, e Vincenzo Russo, presidente di Iscos.

Nel giugno 2022 si è invece svolto a Islamabad un workshop, con la partecipazione di Aics, Ilo, rappresentanti del ministero pakistano del Lavoro e delle Migrazioni, imprenditori pakistani, oltre a rappresentanti di Iscos e delle confederazioni sindacali internazionali, pakistane e italiane. Scopo del workshop era presentare i principali risultati delle attività realizzate e promuovere un confronto sulla cooperazione tra Italia e Pakistan sui temi trattati dal progetto.

Il direttore Aics Maestripieri interviene al seminario organizzato da Iscos sull'integrazione dei lavoratori pakistani in Italia
Il seminario organizzato da Iscos sull'integrazione dei lavoratori pakistani in Italia

Pakistan – Formazione sulla gestione sostenibile dell’acqua per lo sviluppo rurale e la stabilità sociale

Rawalpindi – Dal 27 al 29 giugno scorsi ha avuto luogo, presso la sede del PMAS - Arid Agriculture University, di Rawalpindi, una conferenza internazionale dal titolo Training and Capacity Building in Sustainable Agricultural Water Management to Address Food Security and Social Instability in Pakistan.

L’evento, organizzato dal PMAS in collaborazione con la Higher Education Commission pachistana e il CNR-IVALSA, ha costituito l’atto conclusivo dell’iniziativa “Formazione nella gestione sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo per combattere l’insicurezza alimentare e l’instabilità sociale”, approvata dal Comitato Direzionale del MAECI/DGCS nel 2011 e, nel gennaio 2016, passata ad AICS. L'Istituto per la Valorizzazione del Legno e delle Specie Arboree del CNR, in particolare, ha partecipato in qualità di ente esecutore dell'iniziativa.

L’ambasciatore d’Italia in Pakistan, Stefano Pontecorvo, è intervenuto nella sessione inaugurale presentando l’approccio italiano alla tematica di riferimento. La conferenza ha visto la partecipazione di un centinaio di delegati provenienti da diverse organizzazioni e istituzioni pachistane ed internazionali.

Oltre allo staff dell'Agenzia, rappresentata dal dirigente dell'Ufficio VI Pietro Pipi e dal funzionario tecnico Paolo Enrico Sertoli, del PMAS, con il rettore dell'università Sarwat N. Mirza e il chairman dell'evento Azeem Khalid, e del CNR, con il responsabile dell'intervento Mauro Centritto, hanno partecipato all'evento studenti e ricercatori afferenti a numerose università e centri di ricerca pachistani e internazionali. Tra gli ospiti italiani anche il preside della Scuola di Agraria dell'Università degli Studi di Firenze Francesco Ferrini, il direttore di ricerca del Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l'Analisi dell'Economia Agraria (CREA) Guido Bonati, e l'agronomo e consulente dell'Istituto Alcide de Gasperi, partner dell'iniziativa, Nicola Laruccia.

La presenza del personale AICS alla conferenza, che ha visto anche una giornata di visite sul campo, il 28 giugno, ha permesso di fare uno stato dell'arte dell'iniziativa e, attraverso scambi con il personale degli enti esecutori coinvolti nella sua fase di implementazione, valutare il raggiungimento dei risultati attesi.

Fare clic per aprire una mappa più grande